3 motivi per cui sono felice oggi

Buonasera!

Ieri è iniziata ufficialmente l’estate e nel pomeriggio ho lavorato. Negli ultimi tempi le cose mi stanno andando meglio, quindi ho deciso di aggiornarvi. Anche se non sto bene, non voglio cadere nel vittimismo.

Oggi è stata una giornata positiva per alcuni motivi:

✒ Ho comprato dei manga a buon prezzo e ho ricevuto due libri gratis;

Ibs e Piemme hanno deciso di regalare una copia dell’edizione speciale del romanzo La Moglie Tra di Noi a tutti i partecipanti alla loro iniziativa: bisognava scaricarne l’estratto (32 pagine), leggerlo e poi scriverne un breve commento per poter ottenere il codice promo da inserire al momento dell’acquisto. A me piaciuto tantissimo! Non vedo l’ora di avere tra le mani la mia copia omaggio per “divorarla”. Potrei anche scriverci una recensione, no?
Ibs ha voluto regalarmi pure un altro romanzo, soltanto per aver acquistato almeno tre libri; tra quelli proposti ho scelto La Figlia Sbagliata di Jeffery Deaver.
Ma non è finita qua, signore e signori! Ho comperato 7 manga: A Silent Voice 3 e 4, Mairunovich 10 e 11, Dusk Maiden of Amnesia 8, Chopperman alla riscossa (volume unico) e Sogno d’Amore 6. Ho risparmiato più di 6 euro, non ho pagato le spese di spedizione e ho ricevuto due libri gratis.

GRATIS 2 LIBRI IBS

✒ L’anteprima del mio libro, Parole Sbagliate, ha raggiunto le 800 visualizzazioni;

800 visualizzazioni PS anteprima

✒ Sono tra i tester di un trattamento di bellezza per capelli.

Stamattina mi è stato comunicato di essere tra i tester di LEGERITY, Beauty Hair Cream. Mi piace prendermi cura dei miei capelli, quindi voglio proprio provare questo prodotto. Anche in questo caso potrei scriverci una recensione.

LEGERITY

E voi per quali motivi siete stati felici oggi? Scriveteli nei commenti!

A presto.

 

Days – Just don’t leave, don’t leave

Buonasera!

Negli ultimi tempi non me la sono passata molto bene, ma oggi sto un pochino meglio.
Voglio essere più forte, voglio diventare una bella persona. Ce la metterò tutta!

Oggi mi sono dedicata a un “progetto” top secret. Preferisco non parlarne in quanto non sono ancora convinta delle mie probabili capacità. Almeno mi sono tenuta occupata.
Mi sarebbe piaciuto andare in qualche parco come l’anno scorso, ma non ho avuto tempo per organizzarmi. Ieri sono stata un’ora nell’orto di mia nonna e mi sono rilassata: stare a contatto con la natura mi aiuta a non avere pensieri, è una sensazione stupenda.
Ho scattato alcune foto, mi sono vista più carina con una camicia che mi ha dato mia mamma. Tutti sono più belli quando ne indossano una, si sa.
Pur non avendo fatto nulla per Pasquetta, sono comunque contenta: una ragazza a cui ho chiesto di realizzare dei portachiavi ispirati al mio libro (Parole Sbagliate) mi ha mandato gli schizzi e sono spettacolari; ho scelto la persona giusta per questo tipo di lavoro. Nel frattempo pure io mi sono dedicata al disegno nella speranza di migliorare.
Questa sera vorrei sentire un mio amico, anche se abbiamo già parlato ieri. Vorrei chiacchierare con lui ogni giorno, ma non mi piace essergli di peso o dargli fastidio. Meglio concentrare le energie in alcuni progetti che ho in mente di realizzare presto.

Anche per oggi è tutto! Stay tuned.

 

Day 100

Quando ero bambina, sognavo di trovare una persona che potesse capirmi e volermi bene. Mi sentivo sola, incompleta. Cercavo sempre qualcosa. O qualcuno. Come se mi mancasse una parte, un pezzo della mia anima. Come se avessi perso qualcosa di prezioso tanto tempo prima. Guardavo sempre lontano, alla ricerca di qualcuno. Scrivevo sui sassi dei messaggi nella speranza di essere trovata. Trovata da qualcuno. A volte mi sedevo alla finestra; mentre guardavo le bolle di sapone allontanarsi, speravo non scoppiassero subito in modo tale da raggiungere quel qualcuno. Mi piaceva pensare che ci fosse davvero qualcuno da qualche parte desideroso di incontrarmi e di conoscermi. Ci saremmo potuti vedere in una libreria o in un bar. In qualche stazione, al binario 2. Forse ci saremmo riconosciuti al primo sguardo. “Ciao, finalmente ti ho trovata e ora non voglio lasciarti andare via. Voglio parlarti, delle canzoni che passano alla radio, di tutti i film mediocri che ho visto al cinema, di quando sono stato ferito, di quando sono stato abbandonato. Sono stato male anch’io, lo sai? Non è stato facile rintracciarti, non è stato facile vivere senza conoscerti. Non avrei voluto lasciarti nella solitudine, sono stato anch’io molto solo. Ora conosciamoci; parliamo degli amori che sono stati, di quelli inesistenti, di tutte le parole sprecate e di quelle non ancora usate. Voglio chiacchierare con te finché non mi si seccherà la gola. E anche se dovessi sentirmi così stanco perché è stata una giornata difficile, rimarrei ancora un po’ con te, soffocando gli sbadigli. Perché ti ho lasciata sola, troppe volte. E tu non meriti i vuoti e i silenzi, tu meriti solo le cose belle della vita.” Se solo quel qualcuno fosse esistito… Pur non conoscendo il suo volto o il suo nome, l’avrei individuato perché non avrebbe guardato da un’altra parte. E quel qualcuno avrei tanto voluto che fossi tu.

E.F.

Day 10

Oggi finalmente è arrivato il sole. Tuttavia, la stanchezza si è fatta ugualmente sentire. Ma almeno ho un po’ più energia di ieri.

 Questo pomeriggio sono andata a fare la spesa con mio fratello. Quindi una breve camminata l’ho fatta. Spero che ci sia il sole anche domani, così potrò fare una passeggiata più lunga. Ne ho bisogno. Ho bisogno di sentirmi bene, di ritrovare me stessa. 

E in qualche modo, devo dimenticarmi di “lui”. So che è stato importante per me, per tanto tempo, ma non posso vivere in un’illusione. Voglio sentire. Voglio provare grandi emozioni. Non gli do la colpa di nulla. Tuttavia, non esiste più, non ci si può fare più nulla. Non possiamo più uscire o amarci. Tutto è sparito in un attimo. Un attimo che dura per sempre. 

Pomeriggio ho letto un manga: Elisa in Ghostland. Ce l’ho da molti mesi e solo oggi ho deciso di iniziarlo. Mi è piaciuto molto, contrariamente ad altri. Mi spiace che sia composto solo da un volume. Ormai mi ero affezionata ai personaggi. Mi piacerebbe scrivere una lettera alle autrici (a fine volume, c’è l’indirizzo!) per chiedere di continuare le avventure di Elisa, Luke e tutti gli altri. 

Ma parliamo un po’ di questa opera: Elisa ha 16 anni ed è molto ricca. Suo padre le cede la proprietà del parco di divertimenti a tema fantasmi “Ghostland”. La ragazza però nutre odio verso questo parco e odia tutto ciò che non è nuovo. Infatti, la sua idea è quella di distruggere Ghostland e costruire un grandissimo centro commerciale, con una sala dove organizzare sfilate con vestiti e modelli sempre diversi. Una notte, Elisa, con una trappola, viene a conoscenza del fatto che tutti i manichini del parco hanno iniziato ad animarsi, a parlare e muoversi (solo di notte!) Tra questi, c’è anche il bellissimo e pauroso vampiro Luke, il capo dei manichini. Lui chiede ad Elisa di non distruggere Ghostland perché lui vuole vedere i clienti divertirsi ancora. Decide così di portare la ragazza sulle giostre per farle cambiare idea. Cosa deciderà Elisa? Ovviamente non vi svelo come va a finire.

A me è piaciuto molto. I disegni sono carini e la storia molto tenera. Non è un capolavoro, solo una lettura leggera e dolce. 

Voglio assolutamente una continuazione. Oppure l’anime. Sarebbe divertente. Ma opto comunque per una continuazione del manga. Ad esempio, un paio di volumetti in più su quest’opera li vorrei vedere.

E quasi quasi farei il cosplay di Luke.

amazon

Subito dopo questa piacevole lettura, ho ripreso a suonare la chitarra. Mi piace sempre quando mi fanno male le dita. Vorrei essere brava a suonare anche la metà di un chitarrista che mi piace un casino e stimo!

Hello, hello
anybody out there?
‘cause I don’t hear a sound

Ho bisogno di salvarmi. O forse di essere salvata.

Per oggi è tutto. Vi allego una foto di Elisa in Ghostland. 

Stay tuned!

Immagine