Recensione #59 – Bianco Nero Rosso di Melissa Miele

Bianco Nero Rosso è un romanzo scritto da Melissa Miele e pubblicato da Eroscultura Editore.

Ginevra, una donna spietata e fredda, alla ricerca solo del godimento personale. Valerio e Martino, due ragazzi che perdono ogni ragione per lei e decidono di combattere per conquistarla. Inizia così un gioco di predomini, un intreccio di sentimenti non ricambiati e di sesso mai completo. Una situazione che lascia insoddisfatti i due uomini, ma chi comanda è sempre lei, che decide come giocare o fin dove spingersi, senza pietà. Ginevra sa bene quello che desidera e non le importa dei loro conflitti: vuole il piacere a qualsiasi costo, vuole dare inizio a eccitazioni potenti, ma è anche una persona che farà emergere nuove verità e differenti consapevolezze. Grazie al suo dominio, si scopriranno situazioni insolite, ci saranno sentimenti ed emozioni forti, che porteranno alla luce tradimenti e inganni. Chi si nasconde dietro questa donna sensuale e dominatrice? Ma soprattutto, è davvero lei ciò che i due uomini desiderano? Un racconto di passioni, tormenti e sofferenze che avranno il potere di trasformarsi in vero amore. E se pensi che non possa più sorprenderti, lasciati catturare dalle sue tonalità più eccitanti. 

Bianco Nero Rosso è un romanzo erotico, a tratti romantico e sofferto.

Ginevra conosce Valerio e Martino a una festa di ex compagni di liceo e si diverte con entrambe. I due giovani uomini perdono la testa per lei e fanno di tutto per ritrovarla.
Quando riescono a rintracciarla, lei dà il via a uno strano gioco di dominazione…

Ginevra ha venticinque anni, i capelli rossi e un bel fisico; è consapevole di attirare le attenzioni della gente. Disinteressata ai sentimenti altrui, pensa soltanto alle proprie voglie.
Lavora come ghostwriter per un’agenzia, intervista personaggi famosi e partecipa a eventi esclusivi, sfilate di moda e brunch. È una donna libera, indipendente, che si sveglia tardi e che non ha bisogno di una relazione seria per essere felice.
Si dimostra scaltra e fredda, una vera dominatrice: a letto è lei che comanda, che detta le assurde regole che i due rivali seguono alla lettera.
Non ha fiducia nelle altre persone e cerca sempre un modo per non farsi fregare.

Valerio Borghesini ha ventisette anni ed è un militare. Proviene da una famiglia nobile di Roma, che vorrebbe che trovasse una donna da sposare. Ha i capelli neri ed è robusto. Non gli piace farsi sottomettere, tuttavia assume un atteggiamento passivo con il padre.
Ha un bel rapporto con il suo collega, Renato, che spesso lo prende in giro per gli ideali di stampo fascista in cui crede (la fede in Dio, l’amore per la patria, la famiglia che desidera in futuro).
È un giovane uomo troppo inquadrato e ancorato al passato. Ha un atteggiamento rude come forma di protezione, una maschera che indossa per non farsi schiacciare, soprattutto a causa dal trattamento che ha subito fin dall’infanzia.
Nonostante sia di bell’aspetto, non ha ancora trovato la persona giusta da presentare ai genitori. Vorrebbe essere amato per ciò che è e non per il suo titolo nobiliare.

Martino Bonetti ha ventisette anni e i lunghi capelli biondi. Viene da una famiglia proletaria, è di sinistra e ha sempre lottato per la libertà e combattuto contro le ingiustizie.
È intelligente e si dimostra meno duro di Valerio, si lascia sottomettere con più facilità e lamentandosi meno.
Ha un animo poetico e ama la musica. In attesa di iniziare a lavorare come insegnante di Lettere, fa volontariato presso una casa di riposo. Si occupa di fare compagnia agli anziani o di distribuire i pasti.
Si è affezionato a Gino, che vede come un nonno. È con lui che si confida, ricevendo spesso consigli inappropriati per un uomo di una certa età.

Valerio (nero) e Martino (rosso) non potrebbero essere più diversi, ma con il tempo imparano a conoscersi, a confrontarsi e ad allearsi per un obiettivo comune: conquistare Ginevra (bianco), la donna per la quale hanno rinunciato a tutto. È lei il collante, ciò che li unisce e li fa avvicinare, fino al punto di non ritorno.

Quello che inizia come un gioco, fatto di regole assurde, si trasforma in qualcosa di più forte e al contempo doloroso.

Bianco Nero Rosso è una storia di crescita interiore, di maturazione, ma anche di accettazione, di fiducia e di scoperta.

Nonostante le numerose scene passionali, il romanzo affronta tematiche importanti: la sincerità alla base dei rapporti umani, il complicato legame con la famiglia, la lealtà, la passione non soltanto come atto fine a se stesso, la ricerca della propria sessualità, la forza dell’amore.

Spesso le persone tendono ad accettare una vita imposta, che porta all’infelicità, alla rabbia, alla frustrazione. Si illudono di desiderare qualcosa per non ammettere la natura dei sentimenti che provano, per sentirsi meno sole. Prendono decisioni sbagliate o perdono la propria dignità in nome di un’infatuazione momentanea, uno specchietto per le allodole difficile da scacciare. A volte è meglio fingere di non vedere la realtà, fa meno male.
Mentiamo a noi stessi perché l’amore ci spaventa, ci travolge, ci graffia l’anima.

È un invito a essere sinceri perché l’onestà paga sempre e dona un sincero appagamento e la vera felicità, quella che tutti cercano. Bisognerebbe solo seguire ciò che grida il cuore, quell’unico nome impresso nelle sue pareti.

Il lettore non si ritrova tra le mani un romanzo erotico banale e senza trama, al contrario rimane spiazzato da alcuni risvolti e ha modo di riflettere su aspetti attuali molto significativi.

In definitiva, Bianco Nero Rosso è un libro piccante, originale e commovente. I personaggi principali sono caratterizzati bene. I dialoghi sono esilaranti, in particolare i botta e risposta tra Valerio e Martino, e si rivelano uno dei punti forti del romanzo. La narrazione è scorrevole e il linguaggio è adeguato al genere e alla trama.
Lo consiglio a chi cerca una lettura interessante e coinvolgente, a chi è innamorato dell’idea dell’amore ed è un sognatore e anche a chi, come me, non legge molti romanzi erotici perché quest’opera è capace di sorprendere il lettore.

[Link per l’acquisto dell’ebook su Amazon] [Link per l’acquisto del cartaceo su Amazon]

☆ IMPORTANTE ☆

Se decidete di acquistare i prodotti che recensisco, vi chiedo di usare il mio link Amazon (basta mettere i prodotti nel carrello e comprarli entro e non oltre 7 giorni). Non spendete soldi in più, tranquilli. Con i guadagni, potrò comperare altri libri e manga da recensire per voi!

COME SUPPORTARE IL BLOG ♥

☆ Lista Amazon

☆ PayPal

☆ Buy me a coffee

CONTATTI

☆ Mail: ellis91@mail.com

☆ Telegram: @Poison_91

2 pensieri su “Recensione #59 – Bianco Nero Rosso di Melissa Miele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...