Recensione #50 – Alice, Dorothy & Wendy di Lewis Carroll, L. Frank Baum e James Matthew Barrie (Review party)

Alice, Dorothy & Wendy è una raccolta che comprende i tre romanzi Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò di Lewis Carroll, Il meraviglioso mago di Oz di L. Frank Baum e Peter Pan nei giardini di Kensington Peter e Wendy di James Matthew Barrie. È stata pubblicata da Mondadori in concomitanza con l’uscita di Cheshire Crossing, il crossover dedicato proprio alle tre eroine della letteratura classica.

Alice e le sue avventure nel favoloso Paese delle Meraviglie, di là e di qua dallo specchio. Wendy, l’amica di Peter Pan che per molti lettori è la vera eroina dei romanzi con il bambino che non vuole crescere. Infine Dorothy, la piccola protagonista portata da un tornado nel fantastico mondo di Oz. Tre ragazzine curiose e audaci, al centro di tre grandi classici che, ciascuno a suo modo, hanno saputo celare sotto le spoglie del racconto di fantasia messaggi e metafore della vita. Questo libro è l’occasione per rileggere i tre romanzi – “Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie”, “Peter Pan” e “Il Mago di Oz” -, cogliendone la grande modernità.

Ho deciso di parlarvi soltanto del romanzo di Lewis Carroll, Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò.

Alice Pleasance Liddell è una bambina di sette anni, che trascorre molto tempo da sola. Talvolta finge fingere di essere due persone diverse e le capita persino di sgridarsi. È piuttosto loquace, altruista ed educata. La natura curiosa dell’animo umano, tipica dell’infanzia, la porta a fare e a farsi tante domande.

Alice incontra personaggi stravaganti nel Paese delle Meraviglie e nel mondo dello Specchio. Ne rimane affascinata e al contempo spaventata.
Ad esempio, ci sono il Coniglio Bianco, che è sempre di fretta, il Bruco, che fuma il narghilè ed è intrattabile, oppure il Gatto del Cheshire, che sorride sempre.
Per non parlare poi del Cappellaio, un tipo eccentrico che percepisce il tempo in modo differente rispetto ad Alice. Per lui sono sempre le sei, l’ora del tè. Si scambia di posto con la Lepre Marzolina e il Ghiro in un chiassoso disordine. I tre parlano in modo incomprensibile e non perdono l’occasione di schernire la bambina. Quest’ultima infatti non conosce le regole e gli usi di quel mondo surreale. Viene spesso criticata per l’aspetto esteriore in entrambe le storie e insultata perché fatica a capire gli adulti.
Le capitano cose assurde, come ingrandirsi o rimpiccolirsi soltanto bevendo o mangiando.
Una serie di fraintendimenti conducono Alice in un viaggio onirico, a tratti insensato, fino all’incontro con la Regina nel giardino di rose. Le creature del Paese delle Meraviglie hanno paura di lei e non riescono a ribellarsi alla sua tirannia. Pensa di risolvere qualsiasi problema urlando di decapitare tutti. Nonostante l’egoismo e l’insolenza della Regina, Alice conserva quella sua ingenuità da bambina.

Anche il mondo dello Specchio è pieno di personaggi dagli atteggiamenti illogici, come Tweedledum e Tweedledee, due fratelli robusti, che litigano per un sonaglio, Humpty Dumpty, che festeggia il non-compleanno, o il Cavaliere Bianco, che costruisce bizzarre invenzioni e che non sa cavalcare.
Non mancano la Regina Rossa, vanitosa e autoritaria, e la Regina Bianca, più trasandata e buona della prima.
Tutto è possibile in un luogo del genere: una bottega può trasformarsi in una barchetta oppure una persona deve correre veloce per restare nello stesso posto.
La storia è strutturata come una partita di scacchi e Alice è una Pedina che vorrebbe diventare Regina.

In entrambi i mondi i personaggi appaiono e scompaiono senza logica.

Le avventure di Alice nel Paese delle MeraviglieAttraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò raccontano le incredibili peripezie che deve affrontare Alice, sola e spaesata. Non ha una figura adulta e consapevole accanto. Malgrado sia soltanto una bambina, è costretta a vedere anche la bruttura della vita e dell’animo umano in due luoghi fatti di paradossi, di imprecisioni e soprattutto di disordine. .
Ognuno percepisce le cose in modo differente, è una questione di prospettiva. Non ci si dovrebbe sentire sbagliati per questo. Chi ha ragione: Alice o il Cappellaio? Entrambi, dal proprio punto di vista.

Ci sono giochi di parole e no-sense dovunque, difficili da cogliere a causa della traduzione: ciò che fa ridere in una lingua, potrebbe non far divertire in un’altra. Questo aspetto non è da imputare a nessuno.

È anche una critica alla borghesia e all’istruzione di quel periodo storico.

Lewis Carroll invita il lettore a guardare la realtà con gli occhi di un bambino, puri e spensierati, senza però dimenticare le crudeltà che contraddistinguono il nostro pianeta.

«Qui siamo tutti matti. Io sono matto. Tu sei matta.»
«Come lo sai che sono matta?» disse Alice.
«Per forza,» disse il Gatto «altrimenti non saresti venuta qui.»

In definitiva, Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie e Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò sono divertenti per i bambini grazie alla fervida immaginazione dell’autore e profondi per gli adulti. I personaggi sono interessanti. L’eccessivo utilizzo delle parentesi e i dialogue tag rallentano la narrazione. I racconti di Alice vengono impreziositi dalle bellissime di John Tenniel.

Lo consiglio a chi vuole fuggire dalla realtà per un momento e immergersi in una lettura fantasiosa e senza troppi fronzoli.

[Link per l’acquisto dell’ebook su Amazon]

[Link per l’acquisto del cartaceo su Amazon]

☆ IMPORTANTE ☆

Se decidete di acquistarlo, vi chiedo di usare il mio link Amazon (basta mettere i prodotto nel carrello e comprarli entro e non oltre 7 giorni). Non spendete soldi in più, tranquilli. Con i guadagni, potrò comperare altri libri e manga da recensire per voi!

☆ SUPPORTA IL BLOG ♥

✒ PayPal

✒ Buy me a coffee

✒ Lista Amazon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...