Recensione #17 – Il piccolo negozio dei desideri di Nicola May

Il piccolo negozio dei desideri è un romanzo di Nicola May. In Italia è stato pubblicato da Newton Compton. 

Rosa Larkin si sente perseguitata dalla sfortuna. La sua vita a Londra è un disastro e così, quando eredita un negozietto in un pittoresco paesino del Devon, il suo primo pensiero è quello di venderlo per sistemarsi con il ricavato. Ma non è così semplice. Il misterioso benefattore l’ha vincolata a un’importante condizione legale: il negozio non può essere venduto, ma solo ceduto a qualcuno che lo merita davvero. Rosa decide di provarci e investire tutti i risparmi per rimettere in sesto il negozio nella piccola comunità marina di Cockleberry Bay. Ma può farcela da sola? Chi potrebbe aiutarla ad avere successo? In compagnia del suo fedele bassotto Rosa sta per intraprendere un’avventura sorprendente, che porterà alla luce i segreti dietro la misteriosa eredità.

Il piccolo negozio dei desideri è la storia di Rosa Larkin, del suo fedele amico a quattro zampe, Hot Dog, di un negozio, il Corner Shop di Cockleberry Bay, ereditato da un misterioso benefattore, di una piccola città del Devon, affacciata sul mare.

Rosa Larkin ha venticinque anni, una cicatrice a forma di fulmine sulla guancia e dei capelli ricci indomabili. Vive a Londra con il suo inseparabile bassotto, Hot Dog, e il suo amico Josh Smith. La giovane si presenta come una ragazza apparentemente forte e disinteressata ai sentimenti, che preferisce il sesso occasionale a una relazione stabile e duratura, e che non riesce a tenersi stretto un lavoro.
Ma quando eredita un negozio nella cittadina di Cockleberry Bay, nel Devon, le cose cambiano: è costretta a trasferirsi da una grande città a un paesino sul mare, dove la comunità ha una mentalità chiusa e i pettegolezzi viaggiano su un treno ad alta velocità, imparare a gestire la bottega, che non può vendere,  e le responsabilità, come una persona adulta, senza affidarsi al dolce e paziente Josh, il suo porto sicuro. Insieme a lei c’è Hot Dog, un vivace bassotto che ha salvato dai maltrattamenti della sua precedente padrona e che si fa amare e coccolare dagli abitanti del piccolo paese dove si è appena trasferita.
Rosa scopre presto le prime difficoltà del mondo degli adulti, ma riesce comunque a non farsi abbattere grazie al suo carattere deciso.
La giovane, però, nasconde delle ferite profonde, che non le permettono di vivere la vita serenamente, di lasciarsi andare e di fidarsi, sempre alla continua ricerca di un riscatto: fin da bambina si è sentita abbandonata e rifiutata da tutti, a causa della madre alcolizzata, che non l’ha cresciuta, e dalla famiglia affidataria che non l’ha più voluta. È sempre stata un’emarginata e a Londra è riuscita a farsi un unico amico.
A Cockleberry Bay ha la possibilità di cambiare il suo futuro, di rendersi indipendente, di trovare l’autostima che le manca.
La comunità sembra essere cordiale, tuttavia nasconde anche dei segreti.
Tra fraintendimenti, colpi bassi, delusioni, pregiudizi, incidenti, misteri, lacrime, sorrisi, risate e sbronze, la piccola Rosalar, così soprannominata da Josh, si fa degli amici (Mary e Queenie Cobb, nonna e nipote, Jason e Raffaele, una coppia omosessuale che gestisce un pub, il Lobster Pot, e che ha due carlini, la diciottenne Titch) e persino qualche nemico, cede ai sentimenti, fidandosi delle persone, talvolta anche di quelle sbagliate, e accettando di amare e di farsi amare, e apre il suo negozio. Dimostra di potercela fare con le proprie gambe, cosa che inizialmente le era impossibile.

Il piccolo negozio dei desideri è un viaggio nelle emozioni, nell’affetto incondizionato, nel passato, nei segreti che nascondono il Corner Shop di Cockleberry Bay e il suo vecchio proprietario. Un’emozionante scoperta di quei valori che spesso sembrano essere andati perduti, forse anche a causa delle nuove tecnologie alla portata di tutti. 

Rosa e i suoi amici ci insegnano che dobbiamo accogliere il bello e il brutto che la vita ha da offrirci,  che non possiamo permettere alle ferite di annientarci, che dobbiamo lottare per quello che vogliamo, senza cercare scorciatoie o utilizzare squallidi mezzucci per ottenerlo, e che la ruota gira per tutti, che il bene dato agli altri ci viene restituito e lo stesso vale per il male.
Chi, come me, ha avuto un’infanzia difficile, seppur per motivi differenti da quelli della protagonista, non potrà non fare il tifo per lei, per la sua serenità e augurarle di avere la rivincita che ha sempre sognato. Mi sono rivista in lei e ho apprezzato la capacità di Nicola May di creare un personaggio così interessante, reale e “imperfetto”. Rosa, infatti, non rispetta i canoni della classica eroina, timida e un po’ imbranata, che cerca disperatamente l’amore. Al contrario, lei prova a sfuggirgli. Ma sì sa, l’amore, in qualsiasi sua forma, trova sempre il modo di raggiungerti!

In conclusione, Il piccolo negozio dei desideri è un romanzo che scalda il cuore, una lettura coinvolgente, divertente e commovente; potrei definirla “hygge”. È molto scorrevole, speditamente, grazie a un linguaggio semplice e a uno stile fresco. Non annoia ed è impossibile perdere il filo. Le vicende narrate sono coerenti e realistiche, seppur impregnate da una buona dose di dolore. Le descrizioni sono incantevoli: un pittoresco paesino di altri tempi fa da sfondo alla storia, con i suoi negozietti tipici e il mare. I personaggi secondari sono molto intriganti e sono caratterizzati molto bene, soprattutto le “streghe” Mary e Queenie, appassionate di cristalli, di tè e di tutto ciò che è legato al soprannaturale. Il finale è commovente e spiazza il lettore.

Lo consiglio a chi cerca qualcosa di diverso, a chi ama le cittadine affacciate sul mare, i personaggi forti e gli intrighi, a chi ha bisogno di una ventata di aria fresca e di curare le ferite del proprio cuore. Chi non vorrebbe leggere un bellissimo e toccante romanzo che sa di salsedine e di antico?

[Link per l’acquisto dell’ebook su AMAZON] [Link per l’acquisto del cartaceo su AMAZON]

il-piccolo-negozio-dei-desideri-x1000

Fonte trama e copertina: Newton Compton

☆ IMPORTANTE ☆

Se decidete di acquistarlo, vi chiedo di usare il mio link Amazon (basta mettere il prodotto nel carrello e comprarlo entro e non oltre 7 giorni). Non spendete soldi in più, tranquilli. Con i guadagni, potrò comperare altri libri e manga da recensire per voi!

 

☆ SUPPORT ME ♥

 

4 pensieri su “Recensione #17 – Il piccolo negozio dei desideri di Nicola May

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...