Recensione #10 – Due Sirene In Un Bicchiere

sirene recensione

Tutti, prima o poi, hanno bisogno di una locanda della tregua. Di un luogo che accolga quello che ci portiamo addosso: ferite, sensi di colpa, rimpianti, disperazioni, dolori, indecisioni, rimorsi, perdite, paure. Un posto dove il tempo si ferma accanto a noi per sostenerci senza sfidarci, incolparci o incalzarci. Dove non ci sono ieri e nemmeno domani. Soltanto una lunga riga di oggi, di adesso e di ora in avanti.

 

Due Sirene In Un Bicchiere, un libro dal potere curativo, che scalda il cuore e fa bene all’anima

 

Due Sirene In Un Bicchiere è un romanzo di Federica Brunini, edito da Feltrinelli. È uscito il 24 maggio 2018.

 

Esiste un B&B situato sull’isola di Gozo, gestito da Tamara, una donna di mezza età, e dalla sua amica Dana, trentenne con un figlio di dieci anni. 
Alla locanda della tregua ci si reca per una vacanza all’insegna del relax e del benessere interiore.
Cinque persone, provenienti da Paesi diversi, approdano sull’isola di Gozo colmi di speranza e di timori. 
Riusciranno a risolvere i loro problemi o si faranno schiacciare dal peso delle responsabilità, dei drammi passati e dalle bugie che si raccontano?

 

Due Sirene In Un Bicchiere è un romanzo di crescita interiore, un inno al cambiamento e alla consapevolezza.
Ha la straordinaria capacità di strappare un sorriso al lettore, di scaldargli il cuore e di farlo sentire parte di un mondo sensibile e profondo.

Tamara e Dana sono due amiche che gestiscono il B&B delle Sirene Stanche, una locanda della tregua sull’isola di Gozo.
Hanno due caratteri e due modi di approcciarsi agli altri differenti: Tamara è una donna introversa, solitaria ed estrosa, che trascorre il suo tempo a realizzare delle opere d’arte a metà tra i quadri e le sculture, ribattezzate “quadrure”; Dana, invece, è una madre single, solare ed estroversa, con la passione per la cucina salutare, per lo yoga e per la meditazione.
Una decina di anni prima Dana si era presentata all’atelier di Tamara, chiedendole ospitalità per lei e suo figlio Benjamin. La donna le aveva permesso di trasformare la propria casa in un insolito bed and breakfast: per prenotare una delle sue stanze, l’ospite deve motivare la sua richiesta di soggiorno con una lettera scritta a mano e attendere la conferma da parte delle proprietarie. Inoltre, non gli è consentito ritornare alla locanda in futuro.

È tempo di nuovi arrivi: Jonas, Olivia, Eva, Lisa e Lara raggiungono l’isola per la loro vacanza detox. Non sanno che ad attenderli ci sono numerosi ostacoli da superare, desideri da esprimere, paure da affrontare.
Jonas è l’unico uomo nel gruppo. Pilota aerei ed è originario di Gozo, pur essendo cresciuto in Australia. Ha chiesto di soggiornare al B&B per poter spargere le ceneri di sua madre sull’isola. Il suo non è stato un trascorso facile e ha bisogno di ritrovare se stesso e le sue origini.
Olivia ha un ristorante a Barcellona insieme al suo ex marito, Pablo. La donna non riesce ad accettare la presenza di quest’ultimo e della sua nuova compagna. Vorrebbe cercare una soluzione ai suoi problemi con una vacanza rigenerante.
Eva è una giornalista londinese che si finge Vera, una sua collega che è sulle tracce di Mandala Singer, una cantante sparita nel nulla dopo la morte di sua figlia Mia, inghiottita dal Mar Mediterraneo. Per rubarle lo scoop, Eva prende il suo posto ed è costretta a interpretare il ruolo di una donna sposata che non riesce a rimanere incinta.
E infine ci sono le gemelle Lara e Lisa, di trentatré anni, provenienti da Milano. Lara è la titolare di un centro wellness, ha un corpo da urlo e una dipendenza da social network. Al contrario, Lisa non è ambiziosa, si accontenta di lavorare per la sorella e si è trascurata negli ultimi mesi a causa di Roberto, il fidanzato che l’ha lasciata sull’altare il giorno delle nozze. È stata proprio Lara a contattare Tamara e Dana per aiutare Lisa a riprendersi.

Ma niente è come sembra: i personaggi nascondono qualcosa, a se stessi e agli altri, e i fantasmi del passato tornano a far loro visita…

Tra una lezione di yoga, un bicchiere di centrifugato e una gita in barca, i personaggi riscoprono l’amore, l’amicizia e la voglia di vivere.

Ai protagonisti si aggiunge il mare: a volte è un buon consigliere, un amico tranquillo, che culla le persone con le sue onde; altre, invece, è uno spietato nemico, simbolo di morte e di distruzione.
Tiene compagnia agli ospiti del B&B durante la loro breve vacanza (10 giorni), in un luogo suggestivo, rilassante e talvolta misterioso.
Bellissimi i capitoli dedicati alla festa delle lanterne, simbolo di guarigione e di sogni da realizzare.

Non mancano i colpi di scena (alcuni prevedibili, altri meno) e le emozioni forti, che accompagna il lettore fino al toccante finale.

Fa riflettere su temi importanti, quali l’accettazione della perdita, il cambiamento, il coraggio di affrontare situazioni dolorose per vivere un futuro più luminoso.

Inoltre, è un invito a mettersi in gioco, a staccare la spina, ad assaporare il gusto delle passioni e delle cose semplici che spesso si danno per scontate. Siamo troppo stressati dalla vita frenetica, mentre dovremmo imparare a rilassarci e rallentare il ritmo per capire chi siamo veramente.

 

Lo stile è accattivante, moderna e frizzante, come una boccata d’aria fresca. Le similitudini sono stupende e originali. I personaggi principali sono interessanti e caratterizzati bene. Si è rivelata una lettura scorrevole, stimolante e profonda.
Avrei preferito che le attività organizzate da Dana, quali gli esercizi mattutini per ricaricarsi o le lezioni di yoga, fossero un po’ più dettagliate, ma purtroppo il romanzo è relativamente breve e non c’è spazio per situazioni irrilevanti.

 

Consiglio Due Sirene In Un Bicchiere a chi cerca una lettura “hygge“, a chi ha voglia e bisogno di sognare una vacanza da sogno e a chi non ha ancora avuto coraggio di cambiare.

 

Vi confesso che andrei volentieri al B&B delle Sirene Stanche. E voi?

 

Voto: ⭐️⭐️⭐️⭐️

 

[LINK DIRETTO ALL’ACQUISTO SU AMAZON]

3 pensieri su “Recensione #10 – Due Sirene In Un Bicchiere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...