Day 88 – Tear us in two because I want you too

Salve a tutti!

Oggi scrivo il blog prima del solito in quanto stasera devo assolutamente usare il tempo a mia disposizione per cercare tutti i posti da visitare a Udine; domani, invece, sarò via tutto il pomeriggio e non avrò tempo alla sera, dovendo preparare le cose per l’indomani, farmi la doccia e andare a dormire presto. Certo, possiamo usare il cellulare del mio amico, ma io preferisco pianificare tutto per tempo e non andare all’avventura.

Questa mattina pensavo al terremoto: se ipoteticamente l’epicentro fosse proprio nella mia città, Lui neanche si preoccuperebbe per me, non cercherebbe di chiamarmi o mandarmi un messaggio. Altro che tenerci! Forse non dovrei fare pensieri così assurdi, ma l’idea che un giorno possa venire un terremoto pure qui mi spaventa un po’. Mi dispiace per le vittime e per le loro famiglie, per chi è morto e chi ha perso la casa. Se io perdessi tutto, credo che impazzirei. Sono immagini drammatiche, dovrei pensare a cose leggermente più allegre.
Mi sento però sciocca perché solo ora mi sono resa conto che anche in una situazione terribile (come, per esempio, una catastrofe ambientale) lui continuerebbe a fregarsene… Per questo devo andare avanti. Anche se per un attimo ho sperato e creduto che questa fosse la volta buona. Persino una ragazza che seguo su Ask.fm si era accorta del mio essere fiduciosa nei confronti di questo ragazzo. Pazienza.

Oggi nella mia città si tiene il fuoritutto nel centro, un’iniziativa molto carina. In libreria ho trovato una bella maglietta di Jim Morrison per tre euro, ma purtroppo mi è enorme. Probabilmente a Lui andrebbe bene.
Ho fatto un giro e pure dopo torno a dare ancora un’occhiata, anche se oggi fa davvero molto, molto caldo. Fa più caldo a fine agosto che a giugno o luglio. Il mondo è proprio strano, vero?

Scusate per il post non molto allegro, ma preparatevi all’articolo sulle mie (dis)avventure in quel di Udine. Ho intenzione di scattare un’infinità di foto, per caricarle su Facebook e soprattutto su TripAdvisor. Sarebbe bello se qualcuno apprezzasse i miei scatti, ma purtroppo non sono così brava e ho solo una compatta da quattro soldi. Niente a che vedere con il grandissimo Nadav Kander. Sì, bisogna puntare sempre in alto per essere qualcuno!

Per oggi è tutto. Alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...